Proseguiamo con le presentazioni delle squadre di National League…

ZSC Lions – Semplicemente, i favoriti numero uno…

La scorsa stagione pareva una stagione andata a ramengo… i Lions avevano un potenziale impressionante ma il gioco, bello ma sterile, dell’allenatore Hans Walsson non dava i frutti sperati. La squadra di fatto, ha faticato dannatamente anche solo a qualificarsi per i playoffs nonostante il cambio di allenatore durante la sosta Natalizia.

Hans Kossmann tuttavia, proprio durante quella sosta Natalizia ha iniziato un lavoro certosino. Ha ridato certezze ai giocatori e gli ha permesso di esprimere più liberamente il loro talento. È stata una crescita continua che ha portato, per finire, ad un meritato titolo di Campioni Svizzeri! Ha insomma portato i Lions lassù in vetta. Ed in vetta, ne siamo certi, ci vogliono rimanere.

L’OBIETTIVO

Vincere due anni di fila il campionato è un’impresa molto ma molto complicata. Ce l’ha fatta il Berna nel 2016 e nel 2017. Ma in precedenza, l’ultima squadra a riuscirsi era stata proprio lo Zurigo nei primi due anni del nuovo secolo.

Tuttavia, gli ZSC Lions non hanno alternative. Devono fare tutto il possibile per vincere ancora! La squadra è stata costruita per vincere. E di fatto, lo Zurigo sulla carta dispone probabilmente della miglior rosa di tutta la National League. Sono insomma i favoriti numero uno! Poi certo, il bello dello sport è che non sempre due più due fa quattro… senza mai dimenticare che vincere è difficile. Ma ripetersi lo è ancor di più!

Nostra previsione RS: 1°-3°

Coral da Rosso Running Rush Donna Scarpe Trail Nike Rush Summit 802 Coral Bianco 807443 I PUNTI DI FORZA

La qualità

Gli ZSC Lions hanno qualità e talento che sprizzano da tutti i pori. Sulla carta i Campioni Svizzeri non sono secondi a nessuno. Per quanto possibile poi, la società è pure riuscita a rinforzare ulteriormente questa squadra che, se tutto va come deve andare, può diventare un vero e proprio schiacciasassi durante la Regular Season.

La mentalità vincente

Hans Kossmann ha raggiunto due grandissimi traguardi a Zurigo. Ha regalato alla squadra il titolo e, fattore forse ancor più importante, ha ricostruito una mentalità vincente. Negli ultimi anni i Lions erano un po’ i belli ed incompiuti. Con Kossmann invece, sono tornati ad essere magari meno “belli da vedere” ma molto più affamati. Molto più determinati. Finanche spietati oseremmo dire. Proprio come i vincenti.

L’attacco

L’attacco dello Zurigo era già fortissimo la scorsa stagione. E con gli arrivi di Simon Bodenmann, Roman Cervenka e Denis Hollenstein è ancora più forte! Di fatto, il reparto offensivo a disposizione del nuovo allenatore Serge Aubin, è in grado di spaventare chiunque anche già solo prima dell’ingaggio d’inizio. Se i giocatori troveranno la giusta alchimia, ci vorrà un addetto al pallottoliere dalle parti dell’Hallenstadion.

I PUNTI DEBOLI

Difficile trovare punti deboli nel Berna… ne elenchiamo alcuni ma di fatto più che punti deboli sono delle “incognite”.

Serge Aubin

Serge Aubin è alla sua prima esperienza in Svizzera da allenatore. Nelle ultime due stagioni ha allenato i Vienna Capitals mentre in precedenza è stato dapprima assistente e poi allenatore degli Amburgo Freezers. Gli ZSC Lions credono molto in lui… come dimostra il fatto che lo hanno assunto, ed annunciato, già nel corso della scorsa stagione. Sarà l’uomo giusto per guidare i Lions al titolo? Il tempo lo dirà. Di certo non sarà facile. Al momento attuale e fino alla metà di Ottobre, con tutto il rispetto, l’allenatore resta un’incognita.

L’appagamento

Per un tifoso potrebbe sembrare inconcepibile… ma l’appagamento dopo aver vinto un campionato esiste. È un qualcosa di probabilmente subconscio che subentra nella mente dei giocatori. Non sono parole al vento, la storia ce lo insegna. Il club e lo staff tecnico dovranno fare il massimo per mantenere sempre alta la tensione. Gli ZSC Lions hanno vissuto sulla loro nuvoletta per un mese e mezzo durante gli scorsi playoffs… riusciranno a ritrovare le medesime sensazioni? Probabilmente sì. Ma non è certo scontato.

IL MERCATO

Mathias Seger si è ritirato e sarà un’assenza difficile da digerire all’interno dello spogliatoio. Non si sono invece ritirati ma hanno lasciato il club Mike Künzle, Mattias Sjögren, Ronalds Kenins, Linden Vey, Lauri Korpikoski, Inti Pestoni e Pius Suter. Accidenti mica poco…

Gli arrivi sono stati invece numericamente di meno. Di fatto, solamente quattro giocatori hanno raggiunto la squadra. Ma che giocatori! Stiamo parlando di Roman Cervenka, uno dei migliori attaccanti stranieri della lega. Maxim Noreau, uno dei migliori difensori offensivi della lega. Denis Hollenstein, uno degli attaccanti Svizzeri più dotati in assoluto. E per finire, Simon Bodenmann, che è reduce dalla sua miglior stagione (in termini di punti) in carriera.

Tanta, tanta, tanta roba…

IL GIOCATORE CHIAVE

Kevin Klein

Avremmo potuto nominarne alcuni… abbiamo scelto colui che, ad un certo punto, pareva si sarebbe ritirato. Ha cambiato idea. Ha deciso di proseguire ancora una stagione ed il club, ed i tifosi, gliene sono grati. Kevin Klein è arrivato la scorsa stagione a Zurigo. Ci ha messo un po’ ad adattarsi alla National League. Ma con l’andare del tempo, è diventato un giocatore a dir poco impressionante. Qualità, quantità, determinazione ed attitudine da leader. Vero e proprio trascinatore durante gli ultimi playoffs.

LA POTENZIALE SORPRESA

Marco Miranda

Marco Miranda ha fatto il suo esordio con gli ZSC Lions l’anno scorso durante la Regular Season. Ha subìto impressionato per la facilità con cui si è adattato al contesto della National League dopo aver fatto la trafila delle giovanili tra Dübendorf, ZSC Lions e GCK Lions. Il 20enne attaccante ha tanta qualità e determinazione. Qualità che gli possono permettere di avere un ruolo importante questa stagione!

IL CALENDARIO

Spesso e volentieri, l’inizio della stagione è fondamentale. È proprio durante le prime partite che una squadra guadagna certezze e confidenza nei propri mezzi. E la fiducia, in un contesto equilibrato come di questi tempi, è un fattore che può davvero fare la differenza.

Lo Zurigo farà il suo esordio stagionale ospitando il Berna… fuochi d’artificio sin da principio! Poi le cose si calmano leggermente… la truppa di Aubin infatti, andrà a Rapperswil il giorno successivo.

In seguito, i Lions ospiteranno il Langnau, andranno a Ginevra e Zugo, ospiteranno l’Ambrì-Piotta e poi avranno ancora due trasferte consecutive a Friborgo e Davos.

Per quanto concerne i Campioni in carica, ogni commento relativo al calendario è superfluo. Pertanto non ci resta altro da dire che…

Buona fortuna, ZSC Lions!